Home

PASSANTE DI MEZZO:
L’APPROVAZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE È UN ATTO IRRESPONSABILE CONTRO LA SALUTE DEI BOLOGNESI E IL FUTURO DELLA CITTÀ

NO PASSANTE TOUR | ASSEMBLEA ORGANIZZATIVA

Lo scorso 27 marzo ci siamo incontrate/i al Parco delle Caserme Rosse per condividere le tante ragioni della nostra opposizione all’allargamento del Passante di Mezzo.

Durante quell’assemblea abbiamo riconosciuto il bisogno di costruire un percorso informativo sul progetto di Società Autostrade, per far conoscere alle/ai bolognesi la verità su questa grande opera inutile e dannosa e costruire un percorso di mobilitazione collettiva capace di coinvolgere le tante donne e i tanti uomini che hanno a cuore il futuro della città che abitano.

Lo abbiamo chiamato ‘No Passante Tour’: un percorso capace di attraversare quartieri e mercati, spazi sociali e residenziali, luoghi di lavoro e di svago, per parlare delle conseguenze che avrebbe l’allargamento di autostrada e tangenziale sulla salute e sul futuro delle/dei bolognesi.

Pensiamo che anche la costruzione del ‘No Passante Tour’ debba essere uno sforzo collettivo e condiviso. Per questo vi invitiamo a una nuova assemblea pubblica organizzativa per discutere insieme le iniziative e le forme per promuoverle.

Fermare l’allargamento del Passante si può, e fermarlo tocca noi.
Ci vediamo giovedì 21 aprile alle ore 18.30 a Labas.

Segui gli aggiornamenti su Facebook


VOGLIAMO UNA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO

Dal 2016, i cittadini e le cittadine di Bologna chiedono alle istituzioni di conoscere l’impatto del sistema autostrada-tangenziale sulla salute della popolazione. La richiesta di realizzare un’indagine epidemiologica è stata ripetutamente respinta da Comune e Regione per anni, se non addirittura ignorata, con la motivazione che richiederebbe troppo tempo e rischierebbe di rinviare l’apertura dei cantieri.
Ma noi la pretendiamo. E la vogliamo PRIMA che inizino i lavori per l'allargamento del passante!

Comunicati

COMUNICATI

25 aprile: difendiamo la nostra terra, fermiamo il Passante di Mezzo!

25 aprile: difendiamo la nostra terra, fermiamo il Passante di Mezzo!

Noi vogliamo resistere a chi vuol imporci cemento laddove dovremmo coltivare cereali; a chi ci propone un modello sociale fondato sullo sfruttamento dei territori e delle persone, incurante delle conseguenze che questo ha sul Pianeta e sui popoli che lo vivono. In questi mesi abbiamo esposto le tante ragioni per le quali opporsi all’allargamento del Passante di Mezzo significa costruire un futuro degno per le prossime generazioni e contribuire alla sfida globale posta dal cambiamento climatico.

PASSANTE DI BOLOGNA OPERA INSOSTENIBILE E DEVASTANTE

PASSANTE DI BOLOGNA: OPERA INSOSTENIBILE

Matteo Lepore, Stefano Bonaccini e Roberto Tomasi mentono ai cittadini bolognesi: come hanno dimostrato diversi esperti di fama internazionale – tra cui il prof. Vincenzo Balzani – il progettato allargamento del Passante di Bologna è insostenibile e devastante. Non esistono mitigazioni e compensazioni a una scelta politica che condanna Bologna al trasporto su gomma e all’inquinamento, mettendo a rischio la salute di decine di migliaia di bolognesi.